'A giornata fedele

ritratto di Quinzioatta

 

Quann'er giorno me fo desto
puro ciccia se risveja
io me lavo, poi me vesto
lei stiracchia e poi sbadija

Poi me spizza co' la coda
ma dell'occhio prima ancora
'nvece a gareggia' de spada
parte quanno de 'sci' è l'ora

L'acqua subbito je metto
drento 'a ciotola pe' beve
lì me tocca 'n ber bacetto
mentre s'arza pe' sta' a sede

Pettorina... impermiabbile
si fori vedo pioggia
ascensore ferma immobbile
e ar portone fa la scheggia

C'ha er primato 'n bisognino:
la pipì e poi quello tosto
(ma a 'ste cose fa' er listino
nun è propio er verso giusto)

Se riparte razzolanno
ar praticello pe annusa'
si 'ncontramo er pupo bionno
so' le feste a trionfa'

De compagni 'na caterva
so' educati a cortesia
quarcheduno che se snerva...
...tanti zeppi de armonia

La corteggeno maschietti
sempre appresso a pensa' a quello
artri come li sposetti
senza er patto né l'anello

Quarche dama se fa rode
ma lei quasi mai s'offenne:
"Qua de passeggia' n'è frode"
(ne la rabbia nun se spenne)

Arivati ar giardinetto
se saluta co' l'amichi
che domanneno de getto:
"De 'na corsa che ne dichi?"

Me rincora de vedella
co' li simili ner branco
prova' a vince a acchiapparella
finché 'r passo nun è stanco

Je sconfinfera de norma
ma pò fa' pure rinuncia
si je va da sta' più carma
o er gironzolo m'annuncia

Dopo 'n po' rientramo 'n casa
io me piazzo a la tastiera
de rumore ce n'è a iosa
ma lei er pisolino spara

Così avanti fino ar pasto
se va 'n giro o se sonnecchia
tempo a noi preciso e vasto
de carezze ch'è 'na pacchia

Der serale la puntata
è tale e quale a la matina
'n'artra bella scarpinata
da passa' giù a la chiarina

Finché n' se n'annamo a letto
so' artre coccole a regna'
quarche vorta 'n ber giochetto
che è gajezza a stuzzica'

Chiudo tutto, smorzo 'a luce
lei n' s'accuccia immantinente
che l'orfatto la conduce
puro si n' se vede gnente

Ar salotto, sott'ar tavolo
se cerca 'n po' da ignotte
de la cena quarche briciolo...
...ner mezzo de la notte!

...La giornata che t'aspetta
t'ho descritta più che mai
fai 'n affare a damme retta
e presto me ringrazzierai:

appalesa che 'n ber cane
avecce accanto è 'na penzata
che regala ar dente er pane
quanno 'a bocca n'è sfamata

Nun je fotte si sei bello
de 'sto fatto nun s'avvede
si sei arto, grasso o snello...
...tanto t'offre e poco chiede

...E si permetti da fa' er furto
pò rubbatte tutt'er core
condivide 'sto rapporto...
...t'assicuro: è l'amore

(2016)

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento