LA GERMANIA RIMPATRIA L'ORO

ritratto di Baldo

15 Febbraio 2017 - Secondo l’agenzia di stampa Reutersla Bundesbank tedesca sta rimpatriando verlocemente le varie riserve di oro depositate presso i forzieri di New York e Parigi. Il motivo principale sarebbe rappresentato dalle nuove crisi che stanno affliggendo l’euro, e secondo alcuni la manovra potrebbe esssere preparativa al lancio di un nuovo marco tedesco.

LA STORIA – Le riserve di oro della Germania vennero depositate nei forzieri stranieri al culmine della Guerra Fredda, per proteggerle il più possibile dalle grinfie di Mosca. La quantità è di 3.378 tonnellate, valutata 120 miliardi di euro. Nel 2015, come ricorda l’emittente americana CNBC sul suo sito, la Bundesbank aveva persino pubblicato un elenco di 2.300 pagine con la descrizione dettagliata di tutti i lingotti d’oro in suo possesso. La lista includeva il numero dei lingotti, il numero di inventario, il peso e persino il grado di finezza dell’oro.

Nel 2013 la Germania aveva annunciato che avrebbe rimpatriato entro il 2020 circa metà delle sue riserve auree depositate all’estero. Ora che la Bundesbank ha confermato di aver rimosso 583 tonnellate di oro dai forzieri di New York e Parigi, la metà dei suoi possedimenti nel metallo prezioso si trovano a Francoforte, tre anni prima della data prefissata.

NUOVO MARCO? – Secondo indiscrezioni riportate dalla stessa Reuters, non è da escludere che tutto faccia parte di un piano: il piano di Berlino di reimpossessarsi di tutte quelle riserve per utilizzarle come garanzia di un nuovo marco che verrebbe emesso, nel caso di rottura dell’Eurozona.

L’ipotesi – si legge su Wall Sreet italia – è tutta da verificare, dal momento che il sistema dei tassi di cambio fissi nato dagli accordi di Bretton Woods è morto da un pezzo, negli Anni 70. Di sicuro c’è che a Berlino le autorità sanno qualcosa che altri ignorano e che forse si preparano nel caso in cui l’esperienza dell’euro, definito “irreversibile” da Mario Draghi, si concluda improvvisamente.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (2 voti)

ritratto di Forteapache

Purtroppo

non è fantapolitica il contenuto del tuo post, ce lo conferma la bufala dell' irreversibilità dell'euro, che giustamente hai citato fra virgolette. Con tutta evidenza, Draghi si arrampica sugli specchi nel tentativo di difendere l'indifendibile. E come interpretare la "smentita" della Merkel a proposito di un'Europa a doppia velocità? Che l'Europa è arrivata alla frutta, ma nessuno ce lo vuole confessare. Un ringraziamento per i tuoi post, sempre utili e ben calibrati. Una buona giornata

ritratto di Baldo

Grazie per il commento

Purtroppo andiamo di male in peggio. L'economista Monti Non sapendo come pagare le pensioni agli statali, li ha gettati nell'INPS. In Italia si governa così, per approssimazioni successive. Non c'è una strategia. se non quella dello scaricabarile.

E poi c'è l'avidità dei partiti, i quali servendosi dei patronati lucrano sugli sbarchi dei clandestini. Non ne usciamo. 

 

 

 

ritratto di casalvento

Già mi immagino il tasso di

Già mi immagino il tasso di cambio tra nuovo marco e nuova lira. Per i pensionati sarà una bastonata. Ma non è quello che vuole Salvini?

ritratto di Baldo

Che cosa vuole Salvini?

Sembra che al momento abbia licenziato tutti i 14 dipendenti della sede di Milano della Lega Nord. Poi penso che si butterà in un fiume assieme a Bossi.