Nella coppa di Dionisio

ritratto di utentex

 

 

 Nei flutti delle rapide infuriate

 un galeone di cristallo

 segue il cerchio di una coppa 

 tra le dita di Dionisio.

 La notte liquida s'infrange e schiuma

 sullo scafo scricchiolante

 e folli grida di paura

 son rivolte alle spire nere

 di un drago dalle scaglie d'oro.

 Afferrato, il fragile veliero affonda

 e il fondale di pietrisco

 lo modella e lo trasforma

 in un tridente infilzato nella notte

 che crea le stelle nella volta

 del nero abisso senza forma

 

 

 

 Tanto per nutrire l'allegria di cui la gente ha tanta fame...

 

                  Nei fumi rossi di sangue

                 una figura di donna avvolta

                 da un possente, rosso boa,

                 cavalca, ipnotica e sensuale,

                 un toro rovente, di fuoco. 

                 Una distorsione voluta.

                 Lunghe lingue e scuri ghigni

                 tra me e la donna bianca.

                  Ho paura.

                  Ho paura delle lingue protese 

                  in mefistofelici ghigni.

                  Gelidi sussurri di lacrime

                  sorde e lontane,

                 riecheggiano in abissi

                  di vuoto.

                  Controllo.

                 Controllo rigido e sordo.

                 Guscio di solitudine

                  senza specchi.

                  Pace di sabbia per

                  uno struzzo in apnea.

             Il desiderio d'aria incendia gli occhi

             in violente volute di sangue e fuoco,

             che cingono, come rosso serpente,

             i fianchi e i seni bianchi.

 

Gradimento

ritratto di Pietro Smusi

Bela poesia.

Bela poesia.

ritratto di utentex

ciao!... Quale non ti è

ciao!... Quale non ti è piaciuta? No dai, scherzo.

grazie pietro

ps bella foto profilo!