Blue Not(t)e

ritratto di Andrea Guidi

 

Faccio correre veloci le mie dita su tasti di ebano e di avorio.

Accordi armonici maggiori inframezzati da una percettibile dissonanza, da quel toccante Mi bemolle, leggermente calante, la blue note, a cercare tra le pieghe di uno spartito che sa di jazz quella cosa che taluni si ostinano a chiamare anima.

Chissà se esiste davvero.

Certo, mi dico, se esistesse dovrebbe essere la somma delle esperienze vissute, della sensibilità, dei sogni, delle aspettative future, e non può, non deve, evocare tristezza. La ricerca della felicità è nel nostro DNA. Il percorso sarà pure tortuoso e frastagliato, periglioso e ricco di insidie, ma le infinite risorse del nostro essere umani ci consentono di pescare un sorriso anche nel buio più profondo.

Pare un controsenso, ma anche la musica triste mi dà gioia; è davvero un linguaggio universale che mi interconnette al mondo intero.

Guardo fuori, e vedo che è già notte.

Ma è una notte strana, una notte blue; e mi chiedo se anche tu vedi questo stesso cielo, là dove vivi, tra pioggia e verde, tra scogliere e isole, cornamuse e violini, Guinness e black and tan. Eppure mi piace immaginarti davanti ad una cioccolata calda, con tanta panna, e gli occhi fissi a quel cielo, che è così bello quando è bello, con la mia musica come sottofondo.

Forse l’anima è racchiusa nella dissonanza di una nota blue.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)

ritratto di Jazz Writer

L'ho sempre pensato

sei un poeta, e in questo brano lo dimostri, ma sei anche bravo ad esprimere pensieri, sentimenti, insomma a narrare sensazioni. Quindi scrittore, obtorto collo....ahahahah...per usare un'espressione a te gradita. Ciaociao.

ritratto di Andrea Guidi

Non mi piacciono molto le

Non mi piacciono molto le definizioni "canoniche": mi ritengo scrivente oppure paroliere.

Come avrai sicuramente arguito questo scritto è dedicato ad una nostra comune amica della quale, da tempo, non ho notizie; tu sai niente?

Infine, trovo che questo sito sia ancor più elitario di La Recherche, il che è tutto dire... anche se, mi par di capire, neppure qui mancano le diatribe che si incontrano spesso nei sutarelli pseudo letterari.

 

Gaudeamus igitur iuvenes dum sumus!

ritratto di Jazz Writer

Sì Andrea

ho capito bene di chi parli. Donna molto intelligente, interessante, intrigante. E' in un periodo di riflessione... se la contatti le farà piacere. Oppure se vuoi te la saluto io...ciaociao.

P.S. sì, a differenza di La Recherche qui le liti sono all'ordine del giorno. Poi se ci si mette quella che ha sconvolto Ali di carta( sai di chi parlo) la lite è assicurata. Io mi sono fatto trascinare per qualche giorno...ora basta....sciòòòòò. Ciaociao