ANGELO E DEMONE

ritratto di Eugenio Flajani Galli

Come fai a trovarti in ogni parte della mia mente?

Perchè avanzi nella mia vita inesorabilmente,

angelo che mi segui dalla mattina alla sera,

demone che infesti la mia notte nera?

In carne e ossa mostrati e fatti avanti,

abbagliami con le tue pupille sfavillanti,

seducimi con il tuo sorriso invitante

e tentami con il tuo sguardo ammaliante,

tu che rendi ogni attimo emozionante

accanto a me o nel pianeta più distante,

brama il mio corpo più che puoi,

conquista il mio cuore se mi vuoi.

 

Dott. Eugenio Flajani Galli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)

Una persona amata della quale

Una persona amata della quale non sappiamo nulla: non conosciamo il nome (a essere pignoli nemmeno il genere) e non sappiamo come reagirà alle esortazioni del poeta. Quel che è certo è che per il poeta questa persona è un pensiero costante (vv. 1-2), oserei dire un'ossessione e che tale persona svolge, in diversi momenti della giornata, i ruoli opposti di Angelo e demone (vv. 3-4). Notare che è essenzialmente con il proprio volto che la persona alla quale egli si rivolge dovrebbe conquistare il poeta (vv. 6-8): con le sue "pupille sfavillanti", con il suo "sorriso invitante" e con il suo "sguardo ammaliante".

Lirica con rime baciate, che talvolta fanno consonanza l'una con l'altra (-ente, -anti, -ante). I versi sono tendenzialmente lunghi, in particolare all'inizio. Notare l'isocolo dei versi 6-7.

Saluti,

MCmisterioso 

ritratto di Eugenio Flajani Galli

Esattamente: nè del soggetto

Esattamente: nè del soggetto nè dell'oggetto della poesia si conosce (volutamente) il sesso in quanto, così come accade nella maggior parte delle mie poesie, cerco di non far emergere tali dettagli per poter meglio far identificare ogni genere di lettore nella poesia. Questa può dunque veicolare i pensieri espressi da un uomo per una donna, così come da una donna per un uomo, da un uomo per un uomo, da una donna per una donna, ecc.