L'ARGINE DELLA VITA

ritratto di Mauro_Farina

Sempre più vasto
è l’argine di queste vite
oltre ogni limite vissute:
i giusti confini
vennero perduti
tra frammenti e sprazi
di ricordi e memorie.
Nulla è recuperabile,
se non questi resti
di spoglie mortali,
di tutto ciò
che per queste vie
è vissuto e passato.
Travagliato sarà
il futuro,
che ora è incerto,
ma forse qualche anima
follemente vivrà,
spossata dagli argini
d’una vita
che debolmente
sono ceduti.
E lungo questo cammino
infinite possibilità
aperte ed intatte restano
per far trovare ciò
che realmente ognuno è:
pochi soltanto
colgono la retta via
che verso un’eternità
la salvezza solenne
garantirà…
E nulla d’importante
si va perdendo
su di queste strade
che vane, tra confini
confusamente delineati,
le speranze rendono
e che alla follia
molte genti già
hanno portato…

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

argini, confini... ma quante

argini, confini... ma quante volte ripeti una stessa parola??!!!

diamine.