Spaist ori

Il vecchio bucaniere ometteva qualcosa nei suoi racconti marinareschi.

Chissà da chi era assoldato questo corsaro!?

Probabilmente dai servizi segreti francesi, che non si erano ancora ripresi dalla figura di merda del caso Dreyfus, che nella seconda guerra mondiale fecero un'altra colossale gaffe nella campagna di Francia dei nazisti, quando i servizi segreti depistarono l'esercito francese mandandoli a difendere una zona in cui, secondo loro, i tedeschi avrebbero tentato l'invasione... invece i tedeschi entrarono, belli freschi, da un'altra parte, accerchiandoli, e di fatto vincendo la guerra in un mese!

Dopodiché si fecero pizzicare ripetutamente dagli Stati Uniti a spiare le loro grandi aziende tecnologiche, per non parlare dell'affondamento, con conseguente sputtanamento planetario, della Rainbow Warrior in cui affogò un attivista di Greenpeace, affondamento eseguito dai servizi segreti per difendere gli esperimenti nucleari a Moruroa del governo.

L'elenco dei casini combinati dai servizi segreti francesi era ancora lungo: Algeria, Vietnam, nord e centro Africa, più recentemente Somalia... bisognava comunque ammettere che per gli ultimi casini in nord Africa e Medio Oriente era in ottima compagnia!

Insomma gli spioni francesi erano da sempre più impegnati a farsi le scarpe tra di loro che a mandare in porto una missione!

Tra l'altro dovevo chiedere al mio amico pirata se ne sapeva qualcosa dell'affondamento della Rainbow Warrior, essendo lui un professionista di navi che andavano a picco.

Questo continuava a bere litri di quel gasolio che spacciavano per vino, e rideva producendo lo stesso suono di un tornado in Oklahoma, quando mi arrivò finalmente il mio piatto di asado.

Iniziai a mangiare mentre il pirata attaccò a raccontarmi di una puttana thailandese, conosciuta a Kuala Lumpur, che ce l'aveva fosforescente!

Io annuivo e m'ingozzavo, nonostante il piccolo problema di totale assenza d'igiene, non volevo neanche immaginare com'era ridotta la cucina, l'asado non era niente male!

Finito l'asado ruttai liberamente, partirono degli applausi dai tavoli vicini, avevo capito come far breccia nei teneri cuori di questi tagliagole!

Il mio amico, esponente della filibusta, era talmente ubriaco che a vederlo camminare faceva venire il mal di mare, andò a pisciare parecchie volte, sempre più barcollante... ma non era colpa della gamba sgranocchiata dallo squalo questa volta, ma dell'onda anomala di vino nel suo stomaco!

Intanto mi iniziai a chiedere cosa stessero combinando i tre crauti in albergo, magari si erano già fatti un giro in camera mia e avevano trovato il buco, ed in quel preciso momento mi stavano aspettando fuori dal locale per farmi la pelle.

Pagai il pranzo e mi alzai, i pantaloni restarono per un attimo appiccicati alla sedia, il mio amico pirata, imbarcato nel suo viaggio alcolico, poteva essermi utile, lo feci alzare e lo portai con me verso l'uscita del locale, se qualcuno mi avesse aspettato fuori per farmi la festa glielo avrei tirato addosso!

Fuori non c'era nessuno ad aspettarmi, quindi mi congedai dal pirata bugiardo e m'incamminai verso l'albergo.

Ora mi era chiaro come mai i servizi segreti francesi avessero combinato tanti casini, se questo era realmente un loro agente... allora mi era tutto chiaro.

Presi lesto la strada per tornare al “Desaparecidos”, quest'intrigo internazionale stava diventando complicato come le equazioni diofantee, se ti perdevi un passaggio non ci capivi più un cazzo!

Era finito il mio tempo da turista, tornavo ad interpretare la parte di 007.

Tra l'altro in questa faccenda mancavano due capisaldi dello spionaggio mondiale; la CIA e il KGB!

A ben pensarci potevano esserci anche delle motivazioni razionali.

Nei telefilm yankee la CIA aveva perso terreno rispetto alla NSA o alla CTU il popolo statunitense, dopo le torri gemelle, aveva bisogno di sentirsi sicuro a casa propria, quindi gli fregava molto meno di guardare in televisione o al cinema le avventure di agenti segreti belli e raffinati in giro per il mondo, li rassicurava molto di più seguire, invece, serie con protagonisti degli eroi patriottici stracazzuti, belli ma un po' più rozzi e travagliati che difendevano il territorio nazionale dal terrorismo... come sempre negli Stati Uniti la propaganda governativa e il cinema andavano di pari passo!

Per quel che riguardava il KGB, dopo la caduta del muro, aveva pure cambiato nome. Gli antichi fasti della CIA e KGB era ormai roba da anni '60 e '70.

Naturalmente continuavano a far danni in giro per il mondo, ma ormai con un profilo più basso di un tempo, almeno rispetto all'immaginario collettivo.

L'essere umano andava avanti a mode del momento!

Naturalmente non mi avrebbe comunque sorpreso trovarmeli tra i piedi da un momento all'altro, sembrava che quest'operazione Müller facesse gola a molta gente.

Io non avevo ancora capito chi cazzo fosse questo Müller!

Arrivato all'albergo vidi che uno dei tre crucchi presidiava l'entrata principale, un brivido mi percorse la schiena, stava forse aspettando me?

Va be', nel peggiore dei casi sarei stato torturato per farmi parlare, e quando io avrei cantato come un usignolo, praticamente subito, mi avrebbero ammazzato come un cane, avendo ormai capito che non sapevo un cazzo di niente, nel migliore dei casi mi avrebbero solo preso per il culo per i miei problemi fiscali...

Entrai nell'albergo facendo l'indifferente, salii al terzo piano ed arrivai davanti alla porta della mia camera, in fondo al corridoio passeggiava un secondo crucco, che mi diede una lunga occhiata, io con la coda dell'occhio vidi che il pezzo di carta che avevo messo tra la porta e l'infisso era per terra... ma senza fare una piega entrai in camera, per un istante mi passò per la testa di produrmi in uno scatto alla Owens nella finale dei 100 metri delle Olimpiadi di Berlino del '36  ma, a differenza del vecchio Jesse, il crucco al fondo del corridoio frenò ogni mia velleitaria aspirazione alla medaglia d'oro.

Mi richiusi la porta dietro le spalle... la camera era stata rassettata, che stronzo!

Era chiaro che qualcuno doveva entrare nella mia camera per pulire la stanza!

Ero in un albergo, mica nel mio pied a terre privato!

Questo non escludeva che i crucchi si fossero comunque fatti un giro... fui tentato di andare subito a controllare dietro la foto di Barbie e Ken, ma mi trattenni... chi me lo diceva che non avessero anche istallato delle microspie!?

Questo lavoro mi stava facendo diventare un cazzo di paranoico, cercai di pensare un modo per, anche se spiato, riuscire a controllare dietro la foto se era tutto apposto, senza essere sospetto, da buon evasore del fisco ero avvantaggiato, come già detto più volte, l'essere un evasore mi rendeva automaticamente insospettabile, questa consapevolezza mi tranquillizzò, mi andai a fare una doccia per riordinare le idee.

Gradimento