Volo d'addio

ritratto di perastikos

Volo d’addio

 

E’ molto presto

E’ l’alba. rosata, lontana, oltre i monti.

Manca il blu, del mare e del cielo.

Un uccellino canta, in lontananza.

Forse chiama la sua compagna.

Gli uomini dormono, ancora.

Forse sognano, l’ultimo sogno della notte.

Ho Dio emergenza!

Un uccellino vola dal nido della madre,

entra in casa, un passerotto, bello.

Bello di mamma sua!

Sa già volare, ma prima mi guarda,

mi guarda prima di volare via,

non ha paura.

Forse mi conosce!

Forse mi avrà già visto, aspettando sua madre,

affacciato al ingresso del suo nido, forse.

Mi guarda e vola via, senza paura.

Forse è solo il suo modo di salutarmi !

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)