Quanto sei bella Napoli

ritratto di amedeoscaloppa

Da quando ho lasciato Napoli

quando ho lasciato te

vivo qui a Maranello

dove poesia non c'è

donne inavvicinabbili

in rossi fiammanti bolidi

bevono la città

fredda opulenta e apolide

ma che non ha pietà

di uno guaglione timido

che provasi a spiegà

in sto linguaggio nordico

come si vive naufrago

nel grattacielo là

dove quando s’oscura

dall’ultimo barcune

esce sta canzune

na canzuncina triste

d’uno guagliò alla luna.

 

Quanto era bella Napule

canta sta voce debbule

laggiù ci sta Lucia

la guaglioncella mia

che s’accompagna al ballo

co la sua navicella

quanto sei bella

quanto sei bella

quando lu mare piaggne 

piaggne intò tempurale

piaggne lo mio viulino

anco lo mandulino

al suon di tarantella  

la donna mia m’appare

come vision soave 

nell’acqua tremarella.

 

Quanto se bella Napule

canta sta voce debbule

dove ci sta Lucia

la guaglioncella mia.

 

 

 

 

Gradimento