Piccola vita

ritratto di Bianco3

Una piccola vita

 

Nacqui nella tiepida primavera

coprii di verde il mio vestire

all’aria oscillavo dolcemente

le carezze me le offriva la brezza

respiravo gioiosa al sole.

Delicata era la pioggia che mi bagnava

con le sue gocce giocavo

facendole correre su di me.

Ma corse inesorabile il tempo

sentii il primo freddo

L’autunno.

Il mio verde

cominciò a sbiadire.

Non ero più così forte

rigogliosa

giallo divenne il mio abito

e il vento

sempre più forte

mi separò dal mio sostegno.

Ora volo

libera al vento

senza alcuna meta

per essere appoggiata al suolo.

Sono posata dove non so

chi mi è vicino

sono altre come me

siamo tutte foglie

che muoiono.

Ma non siamo tristi

in fondo

è tutto per il bene

per dare posto al futuro

a nuova vita

a nuova me

che nascerà

rigogliosa e felice

alla prossima tiepida primavera

per donare altra aria pura

altra ombra fresca.

Quelle cose che offrono

ogni giorno

quelle che chi come me,

anche se passano quasi inosservate

anche se all’apparenza

non hanno quasi valore,

permettono il respiro e la vita.

Sono una piccola vita

che oggi muore

ma felice perché sa

di avere dato a te

un giorno di vita in più.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento