Stupenda

ritratto di Antonio Recanatini

Sei la strada più lunga, 
il mio viaggio entusiasmante
E per quanto io tenga 
a chiamarti stupenda,
mai supererò la foto 
rimasta in piedi con me.
Presto, molto presto 
sarà l’ora tarda a darci il passo
Stupenda, avremo qualche giorno di più,
culleremo insieme i ricordi, 
le bugie,
le smagliature 
e tutte le poesie dimenticate.
Stupenda, ci accorgeremo dei fantasmi
solo quando verranno a bussare,
solo se decideremo di aprire, 
di sbilanciarci.
Adottami di nuovo, mia stupenda!

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento