Fibromialgia 2.0,a cura del dott Giancarlo Barbini

 

Sono passati molti anni da quando iniziai ad occuparmi della fibromialgia, ma la musica non cambia, anzi peggiora. Spiego come e perchè.

Nonostante sia evidente anche ad un marziano che la fibromialgia è dovuta ad un deficit dell'adattamento personale, continuano a proporre spiegazioni bizzarre, sia su internet che negli ambulatori. Risultati positivi: zero. I motivi per cui questa operazione viene portata avanti sono: trattandosi di patologia sociale e relazionale, in aumento, implica che "spiegarla" va contro gli interessi dei maggiori player del mercato (il Dio Mercato). Fintanto che le persone resteranno schiave degli oggetti e del loro consumo sfrenato, non conviene a nessuno fermare la giostra.Gli "attori" sono:  le aziende di ogni tipo ed i fibromialgici stessi in quanto affetti da dipendenza emotiva. Da qualche decennio tutto deve essere farmacologizzato, ne consegue: meno problemi a gestire la massa, utili economici, possibilità di intervento "come salvatori" per i politici.

La caratteristica principale della società è creare dipendenza da oggetti e persone. Tutti devono essere dipendenti da qualcosa e/o da qualcuno. Chi meglio del fibromialgico rappresenta questo tipo di società. In generale, vengono concesse agli individui aree di pseudo-libertà mentre vengono resi schiavi attraverso lo sviluppo incentivato di forme di dipendenza. Persino una cosa positiva ed essenziale quale la partecipazione, è stata alterata come pseudo- condivisione per meglio vendere prodotti (social networks) e fare una schedatura di massa. Vi rendete conto che Facebook ha attualmente due miliardi di iscritti !

La dipendenza,definizione: rapporto di subordinazione osservato in vari ambiti, in ossequio alla tradizione, alle circostanze o a particolari esigenze organizzative. 3 tipi: incapacità di fare a meno di una persona ( d. psicologica ), bisogno incoercibile di un farmaco o di una sostanza (tossicodipendenza), da sostanze prodotte dal nostro organismo (adrenalina, dopamina, etc.).

Vi rendete conto che attraverso la paura, ed a seguire la dipendenza, è stata costruita l'organizzazione sociale sin dalla notte dei tempi?  Avete dimenticato che per mezzo del consumo di alcolici gli americani si sono impadroniti di un intero continente a discapito degli indiani d'America ? Chi ha strutturato il marketing? sempre loro. Grazie all'ideologia calvinista usano sapientemente bastone e carota come forma di "persuasione" . Da un lato si imbottiscono di alcolici e psico-stimolanti, dall'altro sovvenzionano organizzazioni come gli "alcolisti anonimi"......Pensate che sia anti-americano? nemmeno per sogno. Non ce l'ho con nessuno in particolare, ma alla mia libertà di scelta e di pensiero ci tengo molto , non le baratto per un cellulare, un Suv o un gadget qualsiasi.

Tornando alla fibromialgia, vediamo da cosa nasce e come si sviluppa la sindrome.

Alla base troviamo:

1. genitori che non hanno dato un senso di sicurezza

2. mancato sviluppo del Sé che rimane quello infantile

3. bassa autostima spesso iper-compensata per non apparire vulnerabili

4. aver sperimentato oppure osservato in persone a lui vicine, il meccanismo della conversione (mente che scarica sul corpo e viceversa) per allentare l'angoscia con relativa richiesta di attenzione

5. imparare da subito a contare solo su se stesso con deriva egocentrica (mascherata da competenza a svolgere bene i compiti assegnati dagli adulti)

6. progressivamente per l'incapacità di comprendere i meccanismi emozionali dell'altro, il fibromialgico accentua il desiderio di "farsi notare, ed eccellere" sino all'esaurimento dell'apparato fisico prima, e psichico dopo

 7. iniziata la fase di esaurimento funzionale e di mancato compenso, appaiono i primi sintomi con maggiore vulnerabilità alle malattie

8. comparsa di sintomi neurologici o pseudo-tali che determinano un ulteriore caduta dell'autostima, a questo il soggetto da l'unica risposta che conosce: ipercompensa per stare al passo delle richieste interiori ed esterne con sforzi ancora più destabilizzanti (la minacce sottostanti sono l'esclusione sociale e l'abbandono)

9. ricorso ai medici ed agli esami diagnostici per poter capire cosa gli sta accadendo (l'immagine che ha di sé lo inganna e lo svia dal mettere a fuoco le vere cause)

10. il quadro si cronicizza con fasi alterne di moderato benessere seguite da ricadute. La sua natura dipendente esce allo scoperto per le ovvie necessità di aiuto a contrastare la situazione fisica. Diventa manipolativo nei confronti delle persone che più gli sono vicine e gira da un medico all'altro. A questo punto inizia il calvario di test, analisi e farmaci per attenuare la sofferenza.

Nota: ho parlato con migliaia di fibromialgici, ma tutti negano che le cose stiano così. Approfondendo il dialogo una volta avuta la fiducia, ammettono che è relmente questa la fisipoatologia della sindrome.

 

Autore: dott Giancarlo Barbini

Gradimento