I MIEI FANTASMI

ritratto di mario-85

Tante e tante volte faccio dei sogni strani

vengono a trovarmi amici che non ci sono più

ed erano tutti quanti partigiani

Mi parlano come possono parlare i vivi

lo fanno a bassa voce

per dirmi chi l’aveva messi in croce

non furono crocifissi, ma torturati

e tutti morirono per la libertà che s’erano giurati

In questi sogni si beve vino rosso

inneggiando alla battaglia

contro i fascisti, contro la canaglia

Guardando questi amici di un altro tempo

mi accorgo che in mezzo a loro c’è un ragazzino

aveva ucciso del suo babbo

il vile e torpido assassino

Sono tutti intorno ad una tavola imbandita

ed io li conto

e sono assai di più di tutte le mie dita

Venite sempre nei miei sogni

eroi di quel tempo scellerato

che il popolo italiano, ormai ha dimenticato!

Tra poco tempo sarò con voi come fantasma

ma prima che ciò avvenga

racconterò quella storia, e nessuno la respinga

tutti dovranno sapere che la libertà ci fu donata

da quei ragazzi, dal loro ardore

che hanno lasciato sul campo la vita

la speranza e il loro futuro amore

MF

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)