CRUCIFIGE

ritratto di gabrielevacca34

Chi è il bastardo senz'anima

l'abominevole mefisto

quell'aborto schifoso

il rinnegato malvagio

l'insetto viscido e infetto

che si macchia del lugubre misfatto

di trasformare il verde in rogo:

mente senza giudizio

che della tua codardia

non sai perdere il vizio

non ti curi del dramma

e la colpa rifuggi

e sovente disttruggi

la rigogliosa verzura

sfidando la natura

 con la rovente fiamma.

 

La tua natura incosciente

trasforma in un sol gesto

meravigliose selve

distese immense di boschi

di querce, faggi e castagni

in deserto assolato

lasciando il ,cuore depresso

mentre stanno a fuggire

altrove, creature ivi nate

stremate dall'arsura

e corrono sfiancate

piene di tanta paura.

 

Furfante maledetto

che non chiedi mai scusa

delle tue malefatte

e agisci di nascosto

da disertore abbietto:

di te, misero insetto

ha tanto più valore

anche una sola formica

che periva nel rogo:

non meriti un processo

e neppure perdono

ti metterei ben legato

sopra una catapulta

e sparerei diritto

mirando giusto nel centro

dove il fuoco è più fitto.

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento