Vita di Coppia 72 – Ritorno da una breve vacanza

ritratto di rvicentin

Mia figlia armeggia con la chiusura delle valige, più propriamente trolley. La osservo, mentre finisco di riempire la mia valigia e mia moglie controlla che nella stanza d’albergo non abbiamo dimenticato nulla.

“Papà, cosa sono queste due cerniere?” chiede la mia piccola innocente creatura.

“Servono per chiudere la valigia” dico io, sedendomi sulla mia valigia e cercando di chiuderla.

“E questa cosa a cosa serve?” chiede, indicando il sistema di blocco dei cursori delle cerniere.

“A bloccare le cerniere ed impedire che qualcuno le apra” rispondo sereno, mentre sudando chiudo la valigia.

“E questi numeri?”

“Sono la combinazione segreta: bisogna mettere dei numeri segreti, così nessuno può aprirla” ansimo, mentre appoggio la mia valigia sul pavimento, chiedendomi se all’interno ci siano vestiti oppure cemento e ferro.

Mi figlia armeggia serena sul sistema di chiusura delle cerniere.

E così lasciamo l’hotel, arriviamo in aeroporto, scarichiamo i bagagli, lasciamo l’auto in affitto e ci avviamo verso l’accettazione, per far caricare le valigie nella stiva dell’aereo e ritornare alla natia città.

Mia moglie mi chiede se ho tutti i documenti di viaggio ed io allora mi avvicino alla valigia di mia figlia, ricordandomi di averli chiusi all’interno. Provo la combinazione che conoscevo, ma le serrature non scattano. C’è tempo, quindi riprovo. E mia figlia si allontana sempre di più. Poi intuisco e chiedo gentile a mia figlia se ha toccato la combinazione. Lei prima nega, poi annuisce.

Segue una breve ed istantanea colluttazione fra me, mia moglie e mia figlia. Volano schiaffi e calci, nel più assoluto silenzio (non vogliamo disturbare le altre persone in coda). Poi mia figlia scappa inseguita da mia moglie, mentre le orecchie iniziano a fischiarmi. E non sono acufeni.

Poi scopro che le preghiere hanno effetto: nel portafoglio trovo una copia di emergenza dei biglietti. Mia moglie intanto ritorna trafelata, trascinando a calci nel sedere mia figlia. Mostro i biglietti, imbarchiamo i bagagli, volano ancora due schiaffi...

Ora  qui sono a casa nostra, con un seghetto da ferro, a tagliare le cerniere per aprire la valigia.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento