QUELLA BESTIACCIA CON IL BECCO GIALLO

.

Andavo spesso a casa di mia nonna,

perché c’aveva un vecchio pappagallo

legato proprio accanto a una colonna

e mi piaceva quel colore giallo

 

che risaltava sopra agli altri sparsi

e con quell’occhi strani mi fissava,

faceva sempre dei discorsi scarsi

e ripeteva quello che ascoltava.

 

Un giorno, mia sorella, ch’era incinta,

s’è avvicinata e ciangottando quello,

con voce poco limpida, indistinta,

ha detto: “Tutta colpa del pisello !”

 

Io mi son messo a rider scatenato,

invece mia sorella s’era offesa

e gli ha gridato: “Brutto screanzato !”

per quella frase oscena ed inattesa.

 

Un’altra volta con la mia ragazza,

appena l’ha toccato sulla testa

quello le ha detto: “Ecco un altra pazza !”,

l’ha presa a rider, ma co’ l’aria mesta !

 

Mia nonna ha urlato: “Lo lasciate in pace?

E’ vecchio, rimbambito e pure sbronzo,

è strano, è per questo ch’è loquace,

perché vorrebbe andarsene un po’ a zonzo !

 

Non posso farlo uscir, se vola via

non trova più la strada del ritorno

e nonno dice, poi, ch’è colpa mia,

mi tocca a sopportarlo tutto il giorno !”

 

A quest’ultima frase il  pappagallo

rispose farfugliando: “’Sta vecchiaccia

ce l’ha co’ me, a vòrte io m’emballo,

perché so’ anziano, lei c’ha ‘na linguaccia

 

che romba e parte, è peggio de ‘n motore !

Me fa magna’ l’avanzi der marito

e quanno je fa er pranzo … che squallore,

invece der sughetto preferito

 

la vedo che ce mette certi intruji

che va a raccoje drento ar cassonetto,

oppure pe’ la strada, nei cespuji !

Se fo’ la spia scoppia …  ‘caporetto’ !

 

Se ve racconto quello che succede

durante er giorno quanno lui lavora …,

… se crede de sta a batte er marciapiede

e  fa marchette sempre, a ogni ora !

 

E l’ommini li porta nella stalla

e sur divano-letto ch’è a du’ piazze

se la montano tutti, è ‘na cavalla,

se fanno l’ammucchiate e l’orge pazze !

 

Potessi racconta’ tutt’er casino

che vedo co’ quest’occhi in pieno giorno,

… er coniuge … sarebbe ‘n’assassino

e scapperebbe senza fa’ ritorno !”

 

Mia nonna era nervosa, imbarazzata

e l’ascoltava con le orecchie tese,

a un certo punto tutta incavolata

gli stava per menar, ma si riprese …

 

e gli rispose: “Brutto mascalzone,

dormivi sempre, pure il pomeriggio,

facevi finta, perfido imbroglione,

credevo ch’eri un pappagallo ligio !

 

E così m’hai fregato !  Da domani

te chiudo al cesso, stupida bestiaccia !”

… Il pappagallo fece gesti strani

… e disse … una volgare parolaccia !!!

.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento