.44.

ritratto di Viola B.

Ho sognato che avevo scritto una poesia
ed era bella, oh sì.
Aveva dentro del verde, un che di medievale
e forse c'era anche un re, o un eroe
qualche castello, di sicuro dei semi di cristallo
e una bellezza atipica, brillante e rugiadosa
infilata a forza in un font informatico.

Forse il sapore era più zen
e richiamava quei quadri da cerimonia del the,
con silenzi calzati, e minuscoli germogli di bambù
fra le mani degli ospiti accosciati.

L'ho sognata, ed ero convinta
di avere scritto una poesia, infine.
Ne sentivo la gioia, il pulsare animale
e mi sentivo, giuro, fiera di quella creatura
tutta mia e insieme libera.

Poi, da sveglia, mi è rimasta solo la voglia.
Nemmeno oggi, ho scritto una poesia.

In un piccolo orcio millenario
conserverò la brace di quella verde,
minuscola, purissima gioia.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di effetticollaterali

Senso&Sapore

Forse chi si nasconde e/o mostra dietro il nick "Viola B." sta passando giorni di merda, magari si è svegliata con le doppie punte e bestemmia da medusa... Non vanto nessun diritto fuori da questa stupida lotta tra spazi bianchi e spazi neri... Per me la scrittura qui mostrata ha Senso&Sapore, voglio affermare ciò per non fare dispetto a nessuno!

No magari qualcuno pensa chissà cosa c'è sotto [...] chi ti legge sa che ci hai infilato alcune tue fisse in parola, in argomento ed immagini ricorrenti: il medievale, il "rugiadoso", il mondo giapponese... Se fossimo meno stronzi ed avari con noi stessi; meno rancorosi verso chi non ci incensa [a me l'incenso fa venire in mente i morti...] diremmo meravigliati come gli scemi di paese net: "questa scrittura per qualche verso mi rappresenta, parla dei miei tentativi quotidiani di assaltare la diligenza dal nome di lingua, parla di quella mia triste e buffa mania di infilare in una frase tutto e il contrario di tutto, di quello strano modo di scrivere come se non fosse mai giorno... Di quel sogno coltivato invano di abbracciare una scrittura più generale, più curiosa, più gioiosa, nonostante tutto..."

 

ritratto di Viola B.

effetti, mi fai piangere

effetti, mi fai piangere così.

quello che avrei voluto, tanti anni fa. questa cosa che dici.
mi rendi felice, grazie 
 
ritratto di effetticollaterali

Ricambio la gioia che mi dà quel modo di scrivere,

e faccio rito di purificazione.

Un modo di scrivere brillante attuale giocoso e senza spocchie retoriche, senza paturnie che pure la tua scrittura spesso ne è carica, uno scritto per giocare da adulti a ridiventare bambini, che da scrittori significa capacità di concentrazione immersione e se è giorno fortunato, metamorfosi!

Invece si viene a cacare nelle cose altrui: anch'io l'ho fatto, ma con una disperata simile costanza alzo le mani [!] non un lampo, una frase che dimostri che non si è scambiato questo posto [uno vale l'altro per sfogare i tormenti del giovane sfigato] per un cesso a commento aperto... Ancora non l'avete capito che questa stronzata di maschera vi mangia la scrittura? Chi pensate che sfotta; davvero credete che perdo tempo con le vostre cagatine di egoismi? Pensate di essere qualcuno? Con quei nomi assurdi? Qui? Nel grande scarico? Però ogni tanto si deve restituire una goccia di luce a questo mondo ridotto a tetro stupido inutile scarico dei nostri ego-ismi... Scusa l'incursione ma quando vedo la scrittura ridotta al mercato delle pulci... Noi siamo le pulci per la Grande Net! Dobbiamo dimostrare nel profondo di noi stessi, di non esserlo...

 

ritratto di Viola B.

Potrebbe essere una bella

Potrebbe essere una bella metamorfosi essere depurati dalle paturnie.
Per il resto... Non ci pensare. Non ce li ricorderemo nemmeno fra due giorni, questi sfigati. Ci conosciamo da anni, niente intacca tanto tempo.
Un bacio a forma di germoglio
:*

ritratto di Yeeshaval

Sei sempre così elegante,

Sei sempre così elegante, Vi.

Le tue parole si svolgono sempre come un lunghissimo nastro di seta, leggero, apparentemente senza alcuno sforzo. Mi piace molto l'atmosfera che hai creato qui, orientale e verde, con una piccola nota amara, e la chiusa che sembra un haiku a sè stante.

 

ne hai di fantasia

Tu...qui create arte a random...vorrei vedere cosa direbbe Leonardo

ritratto di Yeeshaval

Io non creo arte, e

Io non creo arte, e francamente non so nemmeno cosa stai questionando.

Ho commentato uno scritto secondo il mio sentire, ed è tutto. È ancora possibile, in questo luogo, o bisogna procurarsi un beneplacito scritto dal Comitato Revisione dei Commenti Altrui?

ritratto di Viola B.

nel mio sogno era bellissima.

nel mio sogno era bellissima. poi la realtà è un altro paio di maniche, sempre.

sto leggendo un saggio sulla cerimonia del the giapponese, sono un po' fissata ultimamente... mi piace questo tipo di pulizia verdeggiante, naturale, senza altro scopo che la sua contemplazione.
sull'eleganza, sono davvero imbarazzata :3 e sulla nota verde e amarognola, dipende dai profumi che invece preferisco: quelli agrumati, secchi, croccanti.
grazie tesoro heart
ritratto di Yeeshaval

Sai, capita spesso anche a me

Sai, capita spesso anche a me di sognare storie. Nel sogno sono bellissime, e avvincenti, e complete. Al risveglio cerco di riacchiapparle, costringerle in un foglio, ma svanisce tutto. È così frustrante.

Chissà se esiste un luogo per le storie perdute e mai nate... :)

Nessuno parlava con te

Non so chi tu sia, non so perchè hai risposto, nessuno parlava di te.

ritratto di Yeeshaval

Hai risposto al mio commento,

 
Hai risposto al mio commento, poco sopra. Controlla.
Era difficile capire che nessuno parlasse di o con me, visto che mi è stato risposto al commento.
ritratto di Viola B.

Spero sia finita... Bene,

Spero sia finita...
Bene, tornando ai sogni: una volta lì scrivevo. Ma rileggendoli non erano niente.
Penso che sia impossibile catturarli, e in fondo è la loro imprendibilità a farli preziosi.
:*

Fatti vostri

Sono tornato un giorno, e non ci torno più qui, siete tutti in un universo parallelo, godetevelo io me ne vado.