L’ACQUILONE DI NOTTE.

ritratto di Mauro_Farina

Nell’alto
e scuro cielo,
in questa tiepida notte
d’una tarda primavera,
una luna piena
se ne resta
come a voler
sempre illuminare
il notturno cammino
di ognuno di noi,
mentre le luminose
e splendenti stelle
quasi si divertono
nel far da sfondo
all’immensa vastità
di questo scuro cielo.
Ma nella più remota
ed ostica lontananza
qualcosa sembra
volersi sollevare
e scappare
verso l’infinito:
è un aquilone
che porta
la scritta PACE
me nessuno lo nota,
in questo
notturno periodo.
Da alcuni bambini
tutti colorati
diversamente tra loro
questo aquilone è guidato
in questa notte
che il mondo intero
e l’umanità tutta
sta avvolgendo.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento

ritratto di Lysi

almeno le regole d'italiano ...

caspita che titolone. 

 

 

ritratto di Rosa Regan

Acquilone

La poesia è carina ma il titolo è un pugno in faccia, e non capisco perché nella poesia l'hai scritto bene.
Ciao.