Giovane sfigato

ritratto di Nikètor

Mare all'ascella 

e, non curante

della gente,la coppia

si fa ardita.Poi, lui

ha un lieve sussulto

che lei non avverte

e,proprio sul più bello,

lo sente

snervato ed assente.

Allora,lo tenta e ritenta

con i suoi turgori ignudi,

con il sesso,ma lui,

assorto ,la pianta in asso,

e stringendosi un piede,

esce pallido e smorto.

Che sfigato! Proprio adesso

pestare una tracina.

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento