Puoi venirmi dentro (per adulti)

"Puoi venirmi dentro, tranquillo, poi ti spiego."

Tolgo il braccio sinistro dal letto restando inginocchiata e appoggiata solo sul destro, poi lo allungo dietro di lui per non farlo uscire.
Sento che gli piace essere invitato e guidato dalla mia mano che lo trattiene e sospinge, lo sento crescere ancora mentre affonda e accelera sempre più. Il mio seno sobbalza impazzito tra le sue mani, quasi quanto il mio cuore tra i miei pensieri.
Perché ricordo. Ricordo che per rabbia e per disperazione mi sono fatta togliere le ovaie. Che ho speso la mia vita con uno che mi ha promesso la luna e me l’ha data, sì, ma non mi ha detto che l’aria non era compresa.

Ma tu ora vieni, amore mio, sono tanti anni che non faccio l’amore come desidero, come tu mi lasci fare. Non ricordavo nemmeno che potesse essere bello anche per me.
Ti sento dappertutto, ti voglio dappertutto. Abbracciami il ventre, tienimi stretti i fianchi, muovimi su di te, sciogli il tuo desiderio e il tuo piacere in quello della mia anima. Piango.

Quando fui certa di aspettare un figlio corsi a dirglielo. Mi sentivo un dono, un premio, il mare, un’alba senza fiato e piena di luce. Mi costrinse ad abortire. Avevamo già dei figli prima di incontrarci, disse che bastavano.
Capii allora che gli ero già bastata anch’io e mi feci togliere tutto quello che non sarebbe più servito se non a ricordare. Che non voleva qualcosa che lo legasse a me per sempre.

Almeno tu adesso puoi amarmi senza pensieri, così sì. Poi mi giri senza uscire e mi stendi sul letto per baciarmi. In silenzio bevi le mie lacrime, ti amo per questo. Anche per questo.
Pensa che prima di te non ero mai riuscita a dire a nessuno di quel mio zio, il fratello di papà, che da quando avevo nove anni mi ha violentata per così tanto tempo. E non era servito a nulla dirlo ai miei, non mi hanno mai creduta.
Ma tu ti sei accorto dal mio farlo in silenzio, dai miei occhi che si perdono nel nulla, dal mio non riuscire a farmi toccare e carezzare ovunque, sì, mi hai sentita nel profondo.
O forse, semplicemente, non ce la facevo più a tenere dentro tutto questo e tu sei arrivato ad accogliermi nel momento giusto. Penso tutte e due.
Adesso ti lascio riposare, ma tra un po’ credo che vorrò premiarti di baci in quell’altro modo che ti piace tanto. Ma solo perché ora piace tanto anche a me, intendiamoci.

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (3 voti)

ritratto di Kore

In questo racconto c è amore.

In questo racconto c è amore. Così bello, che mi ha fatto sentire la necessità di scrivertelo. Ciao Giulia, mi piace la tua voce.

Grazie Kore, è tanto bello

Grazie Kore, è tanto bello ritrovare la carezza della tua.

ritratto di Lysi

disperatamente dolce e triste

disperatamente dolce e triste e così significativa. la bambina violentata, l'omertà familiare, poi la donna rimasta  imprigionata dentro la sua mente, un volersi fare accettare, amare, a costo di rinunciare al proprio essere 'Donna e Madre', la sottomissione psicologica. E poi l'egoismo, il narcisismo maschile, il senso del possesso dell'uomo su una donna. non è amore questo, o forse è un amore malato. tu lo hai evidenziato con intensità e con una ironia dolcemente lancinante. non è facile scrivere un condensato di mille emozioni dentro almeno tre temi cosi crudi. 

ciao julie:-)

 

Sei speciale Lysi, come la delicatezza

Sei speciale Lysi, come la delicatezza con cui mi chiami. Grazie

Ho conosciuto una persona

Ho conosciuto una persona anni fa che subì esattamente quello che tu racconti. Dallo zio e dal cugino, in un armadio. Sua madre non le avrebbe mai creduto. Non so perché ti commento. Ma mi sentivo di farlo.

Re

Credo per testimoniare, per dire

Credo per testimoniare, per dire che non sei uno che chiude gli occhi, che hai permesso a una donna di dirtelo senza la paura di dover subire un'altra violenza. Grazie

Si, credo di si.

Si, credo di si.

Molto bello

Molto molto bello. E' triste e dolce allo stesso tempo, straziante e meraviglioso.

Perché la vita ha una forza

Perché la vita ha una forza che, tranne pochi, non riusciamo a combattere, nemmeno facendoci a pezzi. Ma qualche volta, per un istante, ha ragione. E tutti questi sapori. Grazie tomsa89

ritratto di Stef5090

Concordo

con buona parte dei commenti sopra. Leggendo alcuni tuoi testi trovo interessanti il ritmo e la cadenza che riesci a infondere nei tuoi racconti. E' stimolante per il lettore leggere le tue opere tutte d'un fiato. A presto!

È troppo bello quello che mi

È troppo bello quello che mi dici, grazie Stef!