Sconforto ...con attenuazione

Amo la pioggia, il cielo nuvoloso,
le atmosfere un po' scure e poca luce,
soltanto nella notte mi riposo
e nel buio il destino mi conduce.

Lo splendore del sole non lo sposo
con la mente che al triste ormai m'induce,
odio il roseto e mano non vi poso
'chè ferite con spini mi produce.

Ho immensa quiete sol con la tempesta
che però guardo standomi al sicuro
col vorticar del vento senza resta …

però nel mezzo a tutto il grande scuro
poco dopo m'annoio in quella festa
e anelo al sole e a un tempo più sicuro!

Sonetto con schema ABAB, ABAB, CDC, DCD

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)