LIVORNO LA MIA AMATA CITTA'

ritratto di mario-85

Sento un dolore dentro il cuore

vedo la mia città mezza distrutta.

Livorno città di mare

dove il libeccio fa da padrone

con mareggiate assai abbondanti

rende la pelle salata a tutti quanti.

Un tempo che non si era visto mai

è venuto a Livorno

e ha fatto un finimondo

fiumiciattoli che invadono le case

senza rispetto alcuno

Piogge scese dal cielo come un diluvio universale

seminano morte nelle ore della notte

tra i poveri livornesi che non avevano visto mai

un tempo malvagio che uccide e porta guai

le strade piene di detriti con macchine capovolte

pagate con sacrifici e finite tutte rotte.

E’ come se avessero bombardato di nuovo la città

con assurde bombe d’acqua

che hanno ucciso alcuni livornesi

che dormivano tranquilli nelle loro case

che dall’acqua assassina sono state invase

Io sono un vecchio

che ha visto i bombardamenti americani

e ho visto morire tanti miei concittadini

che non potevano andare in posti più sicuri

perché non avevano i quattrini.

Adesso è stata l’acqua, venuta giù dal cielo

accompagnata da un vento levantino,

a distruggere mezza città

come un vile e turpe assassino

MF 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (1 voto)