A tuo padre (per un'amica)

ritratto di giovanni p.

E' il gioco del devi soffrire,

gli occhi tuoi rabbuiati di giorno,

nell'assurdo passare del tempo,

lascia il padre lo spazio al tuo pianto.

Ride sempre la tua immagine accesa,

e di nero si tingono i cieli,

se piangendo dolore dispera,

che la pioggia non ti lasci da sola.

Il suo volto scolpir nella mente,

l'opra sua al tuo cuor mai dispare,

nel tuo sangue riviv le sue membra,

lascia in terra ricordo d'amore.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento