TRA POMERIGGI PIOVOSI E SERE LIMPIDE

ritratto di Mauro_Farina

Spesso e volentieri
in questi giorni piovosi
mentre i pini
e gli altri alberi
mezzi spogli
ognuno con radici proprie
se ne restano attaccati
alla madre terra.
In questo parco,
di gente vuoto,
sotto questa
scrosciante pioggia
a terra cadono
pure vaghi pensieri
che sembrano dileguarsi
restando isolati
come vivessero
in vecchie catacombe.
A casa me ne torno
mentre fulmini e tuoni
d’ogni dimensione
e d’ogni intensità
la giornata odierna tormentano,
creando un gran chiasso.
E non da meno è il vento
che se ne va scappando
dalla giornaliera tempesta:
nel cielo ora limpido
pulito da gravi nuvole
sono rimaste
solo delle stelle.
Seduto a lungo rimango
ad osservar le sentinelle
mentre riemergono memorie
di giornate perse
e mai più recuperate.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento