Colletti bianchi

ritratto di Lysi

 

Questa idea della felicità 
tappata negli spiragli inattesi
è  appena un soffio, 
schiusa fra gli occhi delle cose
lo vedi anche tu, è solo una libellula sulle dita
un impalpabile afferrare
per non precipitare dentro
gli orologi fermi di tutte queste piazze affollate 
orgogliose degli orologiai del nulla. 
Che paesaggio la mente! Infinito. 
Scale, finestre, da ognidove un miraggio di vita.
E che scialbo rispetto ho io per 
l'affermata aristocrazia sciacalla e funzionaria 
che manda avanti calcoli, opportunismo, ignoranza
e amici degli amici privi di viaggi 
dentro un centimetro di fede
senza credere in un'idea davvero
fautori di progetti morti, orfani delle felicità piccole
cosi piccole da scoppiarti nel cuore dolcemente.
Quei ponti che non riescono ad attraversare 
riportano nell'eco l'urlo di Munch
dentro un teatro senza scena

 

 

 

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Il tuo gradimento: Nessuno (2 voti)

Amara

Amara... purtroppo vera! 

PS: mi sembra esservi un "per" di troppo (che scialbo rispetto ho io per per l'affermata...); oppure, dopo il primo, andrebbero i puntini di sospensione. Buona serata Lysi.

ritratto di Lysi

Verissimo, caro

Verissimo, caro Crema. 

grazie ! ora correggo, buonaserata a te