CARRIERE LETTERARIE

CARRIERE LETTERARIE

o

Se ce l'ha fatta Bukowski

- Bhé io dico invece che è molto semplice, è veramente l'Uovo di Colombo. Uno si mette lì davanti al foglio, carta e penna o computer che sia, e scrive una parola dietro l'altra lasciando che le emozioni fuoriescano dal cuore e si concretino in tante piccole lettere allineate; non ci si può sbagliare, guarda, credimi è automatico, ed il bello è che magari con un po' di fortuna diventi anche ricco.

- Bhé certo non subito subito, all'inizio devi ingranare, farti conoscere, partecipare a qualche concorso, ma con quello che si legge in giro non si può fallire.

- Sì certo, puoi scrivere quello che vuoi e come vuoi. Ed intanto magari se hai bisogno di caffè te lo prendi il tuo caffè, anche una cuccuma intera bella fumante, se vuoi fumare intanto che scrivi lo puoi fare, un po' di musica sottofondo aiuta di certo, se hai bisogno di staccare un attimo stacchi e poi riprendi; nessun obbligo, nessuno che ti martelli appresso, una pacchia ti dico.

- Bhé non è che ci sia una ricetta particolare, tutte vanno bene dico io; secondo me s'inizia sempre dal titolo, magari un po' intrigante che dia un'idea della storia che continua dopo, ma va bene lo stesso un titolo che non ci azzecchi per niente che l'ho visto fare tante volte, tanto l'importante è la storia mica il titolo.

- Vuoi un esempio dici? Non ti fidi eh? Eccoti qui l'esempio, mica palle:

Titolo: Una Storia Particolare

- Cosa vuol dire? E che ne so, si capisce dopo; comunque è già intrigante, smuove l'interesse, "Particolare" dice appunto che non è una storia usuale, trita e ritrita ma è qualcosa di veramente ...particolare ecco appunto.

- Qui inizi con l'ambientazione, guarda bene cosa ti faccio: "Un giorno qualsiasi di un novembre qualsiasi stavo passeggiando senza meta lungo strade secondarie del centro..."

- Si capisce che il soggetto sono "io"; magari potrebbe venire fuori una specie di autobiografia che c'è tanto da dire su di me. E' in città perché in campagna io non ci vado a passeggiare. Come sarebbe a dire non ti piacciono i racconti in prima persona? Ok, nessunissimo problema per questo, cambio subito: "Un giorno qualsiasi di un novembre qualsiasi stava passeggiando senza meta lungo strade secondarie del centro..."

- Va meglio così? Bhè che centra se a Novembre fa freddo, mica lo faccio andare in canotta...No, il mese non lo cambio, assolutamente. Piuttosto specifico: "Un giorno qualsiasi di un novembre qualsiasi stava passeggiando in cappotto e senza meta lungo le strade secondarie del centro..."

- Secondo me qualcosa perde però adesso andiamo avanti lo stesso, caso mai limiamo dopo; come sarebbe a dire che è troppo indefinito...? Un giorno qualsiasi di un novembre qualsiasi è apposta indeterminato appunto perché non è mica una cronaca...Cosa vuoi che scriva: il 7 novembre 1998 alle 16.00 in punto? Ok, rimedio lasciando lo stesso un po' di indefinito: "Un giorno quasi a metà mese di novembre dell'anno scorso stava passeggiando in cappotto e senza meta lungo le strade secondarie del centro..."

- Bhé potrebbe essere il 12 o il 13 di Novembre, massimo massimo il 14. No, dal

15 in poi non può essere...l'anno scorso lo so che è ancora indeterminato ma lasciami un po' fare. Sì, stavolta sono d'accordo, non scorre più tanto bene; spetta un attimo:

" Lo scorso novembre, quasi a metà mese, stava passeggiando in cappotto senza meta lungo strade secondarie del centro..."

- Mi sembra un filo meglio. Come sarebbe a dire adesso che non si capisce quali strade percorre e dov'è...E' una città di fantasia...Ok Ok OK che stress che sei: "Lo scorso novembre, quasi a metà mese, stava passeggiando in cappotto senza meta in via Maccatella a Pisa..."

- Bhé in effetti senza meta in via Maccatella è triste; mettiamola così: "Lo scorso novembre, quasi a metà mese, stava passeggiando in cappotto con una meta precisa in via Maccatella a Pisa..."

- Che poi come cazzo si fa a passeggiare in via Maccatella non lo so, uno che la conosce ci passa di corsa mica ci passeggia. Mah, è la prima strada che mi è venuta in testa, ma si rimedia: "Lo scorso novembre, quasi a metà mese, stava passeggiando in cappotto con una meta precisa sul lungarno Pacinotti a Pisa..."

- Hai voglia di camminare adesso, è anche bello lungo. Ascolta un'altra cosa, è meglio cominciare subito bene e a me sto cappotto mi sembra superfluo e lo tolgo che tanto si capisce che è ben coperto...anzi faccio una cosa, così si stà più tranquilli: "Lo scorso novembre, in un caldo giorno quasi a metà mese, stava passeggiando con una meta precisa sul lungarno Pacinotti a Pisa..."

- A me adesso sembra speciale, non ci cambio più nulla. Allora si dice:"sul lungarno Pacinotti a Pisa e ......e........." ;

- E non mi viene più nulla... Allora vai avanti te vai avanti, che sai sempre tutto...No! Non ho mai detto che venga subito bene... Ci vogliono tanti tentativi...Va bhè mi sono rotto i coglioni.

- No, domattina mi alzo presto che devo andare a lavorare sul serio... magari ci ragiono un po' sopra domani sera.

- Sì cara, lo so che mi ami lo stesso...grazie amore.

Questo testo è protetto contro il plagio. Questo testo è depositato ed esiste una prova certa della sua data di deposito e/o pubblicazione. Chi ne fa un uso improprio è soggetto alle sanzioni di legge.

Gradimento